La Cardatura

Pianta di cardo essiccata

La cardatura prende il suo nome dalla pianta del cardo, le cui infiorescenze, seccate, erano usate per questo lavoro.

Al giorno d'oggi la cardatura industriale si compone di più passaggi utilizzando macchinari all'avanguardia composti da grossi rulli muniti di dentini di metallo: Riducendo la distanza tra gli stessi si ottiene un velo sottile di fibre con una certa parallelizzazione che una volta divise formano il nastro cardato.

I macchinari di Febe s.r.l. a Montemurlo in provincia di Prato sono in grado di trattare qualsiasi tipi di fibra: sintentica naturale, lana e anche le pregiate.

Diversi tipi di lavorazione

macchinari per lavorazione tessuti

A seconda del particolare impiego cui è destinata la fibra si hanno diversi tipi di carda: a cappelli per cotone e fibre a taglio cotoniero; per lana pettinata, per la lavorazione della lana secondo il ciclo cardato, per iuta e fibre dure, per la preparazione di non tessuti, per semipettinato.

Share by: